mercoledì 15 luglio 2009

Biografia

Marcello Toninelli (in arte Marcello),
nato a Siena il 25 giugno 1950, ha esordito nel mondo del fumetto all’età di 19 anni pubblicando sulla rivista
Off Side un’acerba versione di Dante, parodia a strisce umoristiche della Divina Commedia.

Dopo tre anni di vita bancaria e il servizio militare si dedica esclusivamente ai fumetti, lavorando come disegnatore e/o sceneggiatore per molte case editrici, collaborando a testate come Topolino, Candy Candy, PoochieLancioStory, Skorpio, Zagor, Il Piccolo Ranger, Dylan Dog, Nick Raider, Gordon Link e Lazarus Ledd, e creando per la rivista Adamo dell'Editoriale Corno il personaggio di Sonny Sold.

Torna alle strisce umoristiche nel 1984 pubblicando su riviste di enigmistica le strisce umoristiche Il pinguino Colofòn e Sando.

Nel 1985, insieme ad alcuni colleghi, fonda il trimestrale di fumetti Fox Trot, poi trasformatosi in Fumo di China, per il quale realizza storie di stampo realistico-avventuroso e la versione definitiva del suo Dante.

Nel 1990 inizia una proficua collaborazione con Il Giornalino della San Paolo Periodici prima con la serie fantastica Agenzia Scacciamostri e poi specializzandosi nelle parodie a fumetti dei classici della letteratura riproponendo con grande successo il suo Dante, seguito da Iliade, Odissea, Eneide e Gerusalemme Liberata. Sempre per il settimanale paolino ha creato la serie Gli Hominidi e, più recentemente, la striscia Capitan G e i testi della serie avventurosa "La classe perduta" per i disegni di Francesco Frosi.

Con la tecnica delle strisce umoristiche realizza: nel 1999 una biografia di Mussolini, Benito - Storia del Duce a fumetti, apparsa su Storia Illustrata; una versione alla sua maniera di Star Wars: Strip Wars/Guitti Stellari; Berlustory, vita del Cavaliere a fumetti; Dante - La vita, biografia del Sommo Poeta; la metafumettistica Sonia Strip; per la collana leStrisce, ZigZagor e Giubba Rozza; in Livorno Story ha raccontato la storia della città in cui vive e lavora.

Il primo volume del suo Dante è stato pubblicato in Norvegia da TransFe:r Forlag col titolo Dante, denGuddommelege Komedie som teikneserie - Helvetet.

Ha inventato il primo supereroe scatologico, Superstrunz, e l’ironica eroina fantascientifica Shanna Shokk. Per Gazzenda, l'agenda della Gazzetta dello Sport, ha creato le strip del transessuale Tinì Trantran e, su idea di M. Gasparotto e M. Pirovano, del campione di ciclismo Rokko Cipolla.

Per il Gazzettino della Fondazione Diocesana degli Oratori Milanesi (n.5  del 15.3.2008) ha dato vita al panel Don Riccardo.

Ha pubblicato presso Cartoon Club Editore nel 2009 il suo primo romanzo, il giallo storico-letterario "S'i' fosse morte..." che vede all'opera in veste di detective ante litteram i poeti Dante Alighieri e Cecco Angiolieri, e sta lavorando al secondo, di genere fantascientifico.

Gli sono state dedicate mostre personali in occasione delle principali Convention del settore (Expocartoon, Riminicomix, Umbria Fumetto, Mostra del Fumetto di Falconara Marittima, Salento Fumetto, Pavia Fullcomics).

Ha ricevuto il Premio Grande Autore, la Targa Pini Segna, il Premio Nerbini e due volte il Premio Anafi e il Premio Fumo di China quale “Miglior Autore Umoristico”.

 

1 commento:

  1. - Al Gentilissimo Signor Presidente della Repubblica Italiana
    On.le GIORGIO NAPOLITANO.
    Potremmo festeggiare insieme la nascita della REPUBBLICA ITALIANA e di DANTE personaggio. I nostri patrioti per l'Unità d'Italia, con Mazzini e Garibaldi, ne andrebbero fieri. La situazione politico-culturale lo richiederebbe. Dante risulterebbe sempre essere un buon nocchiero per la nave Italia!
    Fin dal 1993 ho dimostrato infatti che Dante personaggio è stato fatto nascere, da Dante persona, il MARTEDI' 2 GIUGNO 1265 (Par., XXII, 110 - 117). L'ho dimostrato anche al Convegno Internazionale su "DANTE E LA SCIENZA" tenutosi a Ravenna nella mattinata del 29 Maggio 1993 con Presidente di turno il professor CESARE VASOLI dell'ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI che, personalmente, mi dava ragione. Nessuno mi ha mai smentito, mentre i complimenti più forti mi sono venuti dalle molte lettere inviatemi dal Professor GIORGIO BARBERI SQUAROTTI di Torino che ha fatto fare ad una sua allieva una tesi da laurea includente anche questo problema. Nel mio volume DANTE E L'ASTROLOGIA, con presentazione di FRANCESCO ADORNO (Loggia de' Lanzi, Firenze, 1995), dalle pp. 93 e segg. ricordo spesso questo Martedì 2 GIUGNO 1265. Perché gli adetti istituzionalmente ai lavori restano quasi tutti zitti? La dimostrazione non e semplicemente ASTRONOMICA ma anche ASTROLOGICA in base alle regole del TETRABIBLOS di CLAUDIO TOLOMEO.
    Il Presidente della Repubblica CARLO AZEGLIO CIAMPI gentilmente mi rispondeva il 12 giugno 2002, con lettera protocollata - Divisione relazione con i cittadini - AC12L777 - AMM/lt. (cfr. You Tube), al mio lavoro inedito di n. 154 pagine con grafici e documenti storici allegati, a lui inviato il 20/05/2002.
    Vedere il Link: http://www.youtube.com/watch?v=wV4vEG15yjA
    Perché non si procede ad un PUBBLICO DIBATTITO se mai, per qualcuno, esistessero ancora delle incertezze?
    Ringraziando per l'attenzione porgo deferenti ossequi.
    Firenze, 20/ 05/2010
    Giovangualberto Ceri

    RispondiElimina