martedì 30 luglio 2019

Letture in vacanza

A luglio vi ho lasciati/e in pace perché ero un po' impegnato. Ora che posso prendermi una mezz'ora di tempo senza sentirmi in colpa, ne approfitto per suggerire qualche lettura a chi andrà in vacanza (al mare, ai monti, in campagna... o a casa propria) nel mese di agosto.


Non posso che cominciare da Dante, investigatore ante litteram insieme a Cecco Angiolieri nel mio primo romanzo giallo:


Nella Siena guelfa del 1286, in casa di Mino Tolomei si svolgono contemporaneamente un amichevole convivio di artisti e un incontro segreto tra i più importanti banchieri cittadini e alcuni personaggi misteriosi. Quando viene ucciso uno degli ospiti, tutto sembra accusare il giovane Cecco Angiolieri, ma l’amico e collega Durante Alighieri detto Dante è convinto della sua innocenza. Tra belle donne, inquietanti cavalieri templari e spietati mercenari, in mezzo a intrighi politici e vendette personali, il ventunenne poeta fiorentino dovrà ricorrere a tutta la sua logica e conoscenza dell’animo umano per cercare la sfuggente verità. Un originale romanzo che unisce Giallo, Storia e Letteratura.

Trovate qui l'edizione cartacea e qui l'ebook.


Se preferite la fantascienza, ecco un'altra lettura divertente quanto appassionante:



In un non lontano futuro, Serge Tillieux è l'unico superstite dell'esplosione del sub-spatier da crociera Itinerus III. Raccolto dai "pirati sociali" del Seattle comandati dall'affascinante Kish, il naufrago torna sulla Terra e scopre che qualcuno vuole ucciderlo per far sparire con lui il segreto che ha portato alla distruzione della nave da crociera. Riuscirà a sfuggire agli spietati sicari solo con l'aiuto della bella piratessa e dell'asociale investigatore privato Max Gross, ma prima dovrà raggiungere il "Pianeta Scomparso" per scoprire la causa di tante morti.

Un originale romanzo di fantascienza incalzante come un thriller.
La vicenda contiene anche il romanzo-nel-romanzo "Darkiller".


Trovate qui sia il volume cartaceo che l'ebook.


Se siete (o siete stati) lettori/lettrici di Zagor, forse troverete invece interessante questa mia "autobiografia professionale" degli anni dedicati allo Spirito con la Scure:


Un'intrigante raccolta di memorie e aneddoti da uno dei più apprezzati sceneggiatori italiani, che si è confrontato con il personaggio dello Spirito con la Scure e i suoi due creatori Sergio Bonelli e Gallieno Ferri per oltre un decennio, e che ha deciso di "vuotare il sacco" attorno alle proprie passioni e curiosità sull'universo narrativo che dal 1961 affascina lettori di tutte le età. In appendice, cinque illustrazioni realizzate da Marcello come documentazione per il disegnatore della storia “Un’impresa disperata”, inizio e fine della lettera di Gianni Bono con le indicazioni di Bonelli per completare una storia da lui iniziata e interrotta dopo quattordici pagine, il testo originale del progetto presentato da Toninelli per un rinnovamento della testata, la copertina e una striscia di ZigZagor , alcune vignette esemplificative dagli albi Zenith Gigante nn.254-255 (e TuttoZagor nn.203-204), il layout di una pagina della sceneggiatura inedita “La porta degli incubi” abbozzata da Marcello per indicare al disegnatore il montaggio delle vignette nella tavola, più l’elenco di tutte le storie realizzate dall'autore toscano, in ordine di scrittura e di pubblicazione (nella serie inedita e nella ristampa TuttoZagor).

Se non la trovate in fumetteria, l'editore sarà felice di spedirvela al volo a casa.



Se preferite letture più impegnative, potrebbe incuriosirvi un saggio che ho scritto con Maila Nosiglia:


All'indomani delle rivoluzioni americana e francese la borghesia delle nascenti repubbliche, per tenere lontana qualsiasi forma di democrazia (ritenuta pericolosa quanto inefficace) e impedire così che il potere appena strappato dalle mani di re e aristocratici finisse nelle mani del popolo, scelsero come sistema di governo quello rappresentativo basato sulle elezioni. Un sistema che produce oligarchie, ma al quale fu quasi subito appiccicato il termine di "democrazia", cioè proprio quello del genere di governo che si era voluto evitare. Da questo equivoco nasce buona parte dei guasti della politica coi quali ci confrontiamo ai nostri giorni: partiti-chiese impegnati in una interminabile guerra per bande per la conquista del potere, politici professionisti interessati solo alla propria carriera, corruzione diffusa, impotenza dei parlamenti e scelte di governo calate dall'alto dal mondo dell'imprenditoria e della finanza si tengono inestricabilmente in un sistema marcio e malato che ha smesso da tempo di dare i pochi, buoni frutti che solo casualmente è stato capace di produrre. è dunque ora di passare ad altre modalità per prendere le decisioni sui problemi che ci riguardano. Non c'è bisogno di inventare niente. La storia ci soccorre con le parole di Aristotele relative al sistema in uso nell'Antica Grecia, cioè il sorteggio: "eleggere è un modo di procedere oligarchico, mentre è democratico tirare a sorte." Ma è possibile applicare alla complessa società moderna questo strumento utilizzato in passato nel ristretto della Città Stato di Atene, in alcuni Comuni italiani, o nelle città spagnole della Corona D'Aragona? Sulla base delle esperienze di James Fishkin, di Terril Bouricious e degli studi di Yves Sintomer e David Van Reybrouck, gli autori di questo esaustivo saggio sostengono di sì. E spiegano come.

Trovate qui l'edizione cartacea e qui (e altrove) l'ebook.



Se invece preferite farvi due sane risate, ecco l'originalissimo "vocabolario" scritto da Piero Battaglia che io ho "commentato" con un bel numero di strisce di Dante:


“Certo che con questo ritmo i libri non si finiscono mai!”, commentava Mafalda (la piccola-grande contestataria protagonista della celebre striscia di Quino) vedendo il padre aprire un dizionario, leggere una riga e riporlo in libreria. Con l'inedito e originale “Nuovocabolario” di Piero Battaglia, questo non sarebbe successo: chiunque ne legge una riga non può infatti far a meno di proseguire la lettura... per scoprire uno dopo l’altro gli scombinati, inattesi, assurdi, divertenti significati nascosti che l’autore di Porlezza (CO) è riuscito a tirar fuori dalle parole che usiamo abitualmente, svelandoci un intero mondo nascosto dietro la facciata ufficiale dei vocaboli certificati dall’Accademia della Crusca.
In questa esilarante opera di decostruzione e reinvenzione, Battaglia è accompagnato dall’amico senese Marcello che, per l’occasione, riporta all’Inferno il padre della nostra lingua, vale a dire Dante Alighieri, naturalmente nella sua celebre versione a fumetti acclamata fin dal 1969 fra edicola, fumetterie e librerie... che qui rivive in nuove 65 strisce inedite.
Un libro sorprendente che piacerà a tutta la famiglia e che non potrete fare a meno di condividere con gli amici per ridere a crepapelle.

Potete procurarvelo in fumetteria o direttamente dall'editore.



Infine, se volete tener buoni un paio d'ore i vostri figli, comprategli Superstrunz (ma potete leggerlo anche voi, eh! E' una lettura buona per tutte le età):

 

In questa esilarante raccolta tutte le avventure dell'unico supereroe scatologico nell'intera storia del fumetto mondiale, nato dalla sfrenata fantasia di Marcello per il primo e unico numero della "rivista in scatola" Fritto Misto nel 1987 e proseguito su Fumo di China e poi in albi spillati per le ormai disciolte Edizioni Foxtrot.
Per ragazzi dai 7 ai 77 anni, dato che Toninelli avverte: «Se i più giovani si divertiranno alle disavventure scatologiche dello scombinato supereroe, le numerose citazioni fumettistico-cinematografiche e i diversi richiami storico-politici aggiungono altri livelli di lettura che rendono la lettura interessante anche per gli adulti».


Se questi suggerimenti non vi bastano, date un'occhiata a questo "riassunto" dei miei lavori.


E se non vi vanno bene neanche questi... andate a fare un bagno!



Nessun commento:

Posta un commento